Tu sei qui

Vite

Sensibilità da moderata a elevata alle carenze di: Mg, B, Fe, Mn, Zn
Sensibilità da bassa a moderata alle carenze di: Cu
(la sensibilità alle carenze di questi nutrienti può variare a seconda della varietà)

La vite esprime varie sensibilità e carenze che sono variabili a secondo:
- il vitigno
- il tipo di suolo
- fattori climatologici.

Carenze diverse

Carenza di ferro e manganese
Le carenze più frequenti che incontriamo nella vite sono carenze di ferro e manganese che sopratutto vediamo in suoli calcari.
- I sintomi della carenza di ferro si manifestano da una decolorazione gialla e totale delle foglie situate sui germogli giovani.
- La carenza di manganese si esprime sulle foglie più anziane con una decolorazione gialla, parziale e con un aspetto marmorizzato.

Carenza di boro e magnesio
Altre carenze frequentemente incontrati sono: la carenza di boro, generando sia una colatura e acinellatura, che delle necrosi sui ramoscelli. La carenza di magnesio che si manifesta con una decolorazione gialla o rossa (a secondo il vitigno) delle foglie che si trovono nella zona della fruttificazione. Questa carenza di magnesio spesso è dovuta a una fertilizzazione eccessiva di potassio. È importantissimo di osservare bene la vite e di mantenere l’equilibrio nutrizionale, perché queste carenze generano oltre ai sintomi apparenti anche dei problemi qualitativi gravi e in alcuni casi possono causare anche la morte del piede.

Il nostro programma NTF (Nutrizione Totale Fogliare) permette di nutrire la vite totalmente per via fogliare (con macro- e microelementi) evitando le carenze e gli squilibri. Inoltre garantisce una qualità superiore della produzione.

Programma Vite

Champagne
La tecnica BMS MN della "Nutrizione Totale Fogliare" (NTF), è stata utilizzata da anni in molte zone vitivinicole d'Europa, fin dal 2012.      
1. Si utilizzano piccole quantità di fertilizzanti (10 - 15 kg/ha rispetto a 800-1500 kg/ha nelle concimazioni tradizionali)
2. Positività: diminuzione della lisciviazione dell’azoto nel suolo, riduzione di costi nel trasporto dei fertilizzanti.
3. Migliora qualità e quantità rispetto alla quota concimata tradizionalmente.
4. Le piante trattate con i programmi NTF sono più equilibrate perchè noi possiamo modulare i trattamenti in base a variabili stagionali e produttive.
5. Spesso si riduce la Botrytis se aggiungiamo il Chelal Omnical, nelle ultime fasi del programma.

Maggiori informazioni sui test effettuati le potete trovare nei seguenti link:

Prova vite 1. 2015

Prova vite 2. 2015

Una sintesi delle prove effettuate nel 2015:
A. Union AUBOISE: programma con Kappa V e Fructol NF per migliorare il vigore delle piante, su terreni con inerbimento tra le file (1 fila ogni 2), rispetto all’applicazione di fertilizzanti al suolo

Ci sono 3 parcelle trattate, nella varietà Pinot Noir
* Le 3 parcelle trattate con applicazioni fogliari mostrano un miglior indice di clorofilla, un maggior spazio internodale, con conseguente aumento di vigoria delle piante.
* I sintomi da stress idrico sono stati meno evidenti
* Su 2 parcelle la concentrazione di azoto nel mosto è aumentata e migliorata la quantità di antociani.
* Su 3 parcelle il peso medio del grappolo è aumentato.
 
B. Prove effettuate in collaborazione con due studenti laureandi della Licenza Professionale Agro-Risorse e Ambiente - Specialità Viticoltura e Ambiente di REIMS(Francia).
Prove effettuate su 4 lotti: interfila inerbita naturalmente, interfila inerbita con semina di trifoglio, interfila lavorata e con suolo nudo e interfila con coltura biologica.
Su ogni parcella, le differenze tra i parametri ricercati si sono rilevate trascurabili, perciò il programma NTF è flessibile e, quindi, utilizzabile per tutti i tipi di produzioni e tipi di suolo.

Conoscere altre culture

Consulta i risultati delle nostre prove sul campo

Vite: trattamento della clorosi ferrica

Come ripristinare il vigore in un vigneto totalmente ingiallito.

Rafforzare il vigore della vite

Migliorare la qualità tramite applicazioni fogliari.

Migliorare la resa e la qualità della vite

L'obiettivo della prova: migliorare il vigore delle piante con la nutrizione fogliare.

Trattamenti dopo il gelo

Stimolare la ripresa vegetativa in seguito delle gelate di aprile 2017 (90% piante colpite), con applicazioni fogliari.

Downloads rilevanti

Scheda tecnica sulla Nutrizione Fogliare.
Scheda tecnica sulla Nutrizione Fogliare.

Articoli da nostra BMS Accademia

Come riconoscere le carenze nutrizionali delle vostre coltivazioni
Nel nostro precedente blog vi abbiamo spiegato, in modo non dettagliato, come prevenire le carenze nella nutrizione delle vostre colture. In questo articolo vogliamo approfondire l’argomento, presentandovi una panoramica più dettagliata dei sintomi associati alla carenza di un elemento nutrizionale...